La Madel di Cotignola è un’azienda all’avanguardia nel settore degli imballaggi

Dal pomodoro 100% italiano nasce la Passata Pomì
Dal pomodoro 100% italiano nasce la Passata Pomì
12 Dicembre 2019
Caffeina croccante: il nuovo snack è “Robusto”
Caffeina croccante: il nuovo snack è “Robusto”
17 Dicembre 2019
La Madel di Cotignola è un’azienda all’avanguardia nel settore degli imballaggi

La Madel Spa è una delle 86 aziende italiane all’avanguardia nel rinnovare i propri imballaggi rendendoli sempre più ecologici. L’Azienda di Cotignola ha ricevuto, nei giorni scorsi a Milano, l’importante riconoscimento nell’ambito della cerimonia di premiazione della sesta edizione del “Bando CONAI per la Prevenzione – Valorizzare la sostenibilità ambientale degli imballaggi”, patrocinato dal Ministero dell’Ambiente. Il CONAI è il Consorzio Nazionale Imballaggi.

«Da molti anni Madel ha sostituito, per diversi prodotti, i flaconi in plastica con le buste doypack (“ecoformati”) a più basso impatto ambientale: queste confezioni permettono un minore utilizzo di plastica rispetto ai flaconi tradizionali, con un risparmio fino all’82% – sottolinea Mattia Testa, Direttore Tecnico Madel – Quasi tutti i nostri flaconi, inoltre, hanno una percentuale di plastica riciclata. Lo studio su nuovi pack e su nuovi materiali, sempre maggiormente rispettosi dell’ambiente, è al centro della continua ricerca dell’azienda. Del resto il rispetto dell’ambiente è una delle mission principali per Madel (che è praticamente autosufficiente dal punto di vista energetico grazie ad un grande impianto fotovoltaico e a un potente cogeneratore) e la riduzione dell’utilizzo di plastica è uno dei temi fondamentali per perseguire tale obiettivo».

Tutte le candidature al “Bando CONAI” sono state analizzate attraverso uno strumento di Life Cycle Assessment semplificato, l’EcoTool CONAI (www.ecotoolconai.org): le azioni di prevenzione messe in campo dalle aziende partecipanti sono state valutate tramite una comparazione prima/dopo con particolare riferimento ad indicatori specifici quali GWP (global warming potential), GER (gross energy requirement) e “blue water” (componente dell’indicatore water footprint).