L’Avvocato Vincenzi è il nuovo Presidente del Consorzio della Romagna Occidentale

Crocchette di Seitan per Compagnia Italiana
Crocchette di Seitan per Compagnia Italiana
12 Febbraio 2021
Nasce “Legàmi di Vite”, un importante contratto di sviluppo “green” nel comparto vitivinicolo.
Nasce “Legàmi di Vite”, un importante contratto di sviluppo “green” nel comparto vitivinicolo.
27 Febbraio 2021
L’Avvocato Vincenzi è il nuovo Presidente del Consorzio della Romagna Occidentale

Nei giorni scorsi si è tenuta la prima riunione del nuovo Consiglio d’Amministrazione del Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale, nel corso della quale sono stati eletti i titolari delle cariche consortili per il mandato amministrativo 2021-2025. Presidente è l’Avvocato Antonio Vincenzi di Faenza, mentre i due Vice Presidenti sono l’imprenditrice agricola Stefania Malavolti di Casola Valsenio e Giampietro Sabbatani di Fusignano, Direttore della Cab Massari di Conselice.

Eletti anche gli altri due membri del Comitato Amministrativo, organo esecutivo dell’Ente: Nicola Dal Monte, imprenditore agricolo in Brisighella e Presidente della federazione provinciale di Ravenna di Coldiretti, e Ivo Dalle Fabbriche, dirigente di Confcooperative.

Avvocato patrocinante in Cassazione, membro di uno studio associato a Faenza, Antonio Vincenzi è consulente della direzione generale di Confagricoltura nazionale e ne cura il coordinamento legislativo.

«Il Consorzio di bonifica deve e dovrà sempre più esercitare il ruolo di strumento di crescita delle attività produttive, in particolare di quelle agricole. Il nostro impegno, quindi, si rinnoverà per riuscire a creare nuovi invasi e ampliare le reti idriche in pressione, proseguendo l’importante attività già intrapresa dall’Ente negli anni. Perché l’acqua è un bene inestimabile che va salvaguardato e ottimizzato in tutte le sue forme», dichiara il neo Presidente. «Massima attenzione, ovviamente, anche alla tutela del territorio e dei suoi cittadini. Per non farci cogliere impreparati dai cambiamenti climatici, occorre essere bravi a programmare le opere per riuscire a fronteggiare eventi come il dissesto idrogeologico, le anomalie temporalesche e la siccità».

Conclude Vincenzi: «Ringrazio ovviamente tutti coloro che hanno riposto in me piena fiducia spronandomi a intraprendere questo percorso e a ricoprire il ruolo che mi è stato conferito. Infine, ringrazio il precedente CdA, nella persona di Alberto Asioli, per il lavoro svolto».